venerdì 22 agosto 2014

Chi troppo e chi niente...

Ciao a tutti,
oggi casualmente mi sono imbattuta in due situazioni che mi hanno fatto molto riflettere: due realtà diametralmente opposte, due rovesci della stessa deludente medaglia che è il nostro paese. Per questo ho deciso di scriverne un post, di esprimere liberamente ciò che penso, ma soprattutto il mio intento è quello di spronare tutti voi alla riflessione, a creare un sano e genuino dibattito magari. Ma eccoci al punto. Sfogliando una di quelle frivole riviste scandalistiche da ombrellone, ho scovato un articolo che raccontava le vacanze spagnole di Paolo Bonolis, celebre conduttore televisivo italiano di svariati programmi di successo, tra cui il mio tanto amato "Avanti un Altro!", show che personalmente trovo brillante, geniale, divertente, insomma il giusto mix degli ingredienti che rendono il programma la carta vincente del pre-serale Mediaset, come non lo era da anni. Ma ecco che tra relax in spiaggia, giri in canoa e jet privati, l'articolo si sofferma sui guadagni di Bonolis:


Ecco a voi la cruda realtà: 40.000 € a puntata. 6 milioni di euro in neanche 8 mesi di lavoro. Ora non fraintendetemi, non sono una di quelli che denigra i calciatori perche guadagnano all'anno quello che io non guadagnerei in 10 vite. Non sono invidiosa, infondo loro hanno un talento. Cosi come ce l'hanno gli attori, i chirurghi, gli imprenditori e chiunque sia riuscito ad affermarsi in questo mondo. Trovo Bonolis il miglior conduttore su scala nazionale, uno show man di altri tempi, che spacca lo schermo, in grado di fare la qualunque e con un talento raro. Quello che viene comunemente definito un animale da palcoscenico. Improvvisazione, esperienza, comicità. Un mostro sacro. Quello che mi sconcerta è la facilità con cui, con i tempi drammatici di crisi che stiamo vivendo, il nostro paese possa permettere di strapagare alcuni e schiavizzare altri. Ecco che entra in ballo la seconda situazione che mi si è palesata sotto gli occhi...


Viene da una pagina facebook che si chiama Lo studente in crisi. Sotto questa foto si sono scatenati pareri discordanti, chi giustifica la miseria di 2 €all'ora per "gavetta" o per semplice sopravvivenza e chi crede ancora che nonostante pane e acqua, la dignità umana valga di più di questo. Ora questo è quello che mi sconforta, che mi disgusta. Due uomini della stessa Italia, della stessa comunità ma così maledettamente opposti. Non sto dicendo che la cosa giusta sarebbe bilanciare i due compensi. è giusto che in questo mondo ci siano salari diversi, gente più ricca e gente più modesta, ma così come è riportato da questo ragazzo, stiamo affondando e nessuno di dovere fa nulla per cambiare le cose. Non apro questioni politiche che non mi competono nè ho interesse a fare, dico solo che a 20 anni non si può avere paura di non trovare un lavoro fisso che garantisca una vita dignitosa. Eppure questo è quello che accade. Il diritto al lavoro dovrebbe essere un diritto appunto, non una fortuna, un privilegio. Eppure così, ma non mi arrendo all'idea che l'unica soluzione è scappare dalla propria terra. è possibile che nel 2014 non esista la sacrosanta meritocrazia? è possibile che al giorno d'oggi trovare un lavoro dignitoso sia più complicato che trovare un ago in un pagliaio?!

Ditemi cosa ne pensate voi, sono molto interessata a leggere i vostri pareri.
Saluti,
Chiara

11 commenti:

  1. Finalmente un post intelligente!!1 Ne vorrei scrivere tanti anche io, ma nessuno li calcola.. Purtroppo!!! Io credo sia un vero schifo, amo l'Italia, sono nata e cresciuta qua.. Mio padre è tedesco ma questa è la mia casa! Studio all'Università, vorrei diventare giornalista, e ogni volta che vado ad un colloquio mi dicono che non verrei pagata perchè la gavetta si fa così, o nella migliore delle ipotesi avrei solo un misero rimborso spese che non rimborserebbe nemmeno 1/3 delle spese effettive!!! Ti rendi conto??? Quindi, saluto e torno a casa.. Come lavoro faccio la visual merchandiser, mi sveglio alle 3 del mattino per essere operativa già alle 4, perchè le vetrine vanno allestite e alle 8 i negozi aprono.. Vengo pagata 6 euro l'ora e faccio la schiava, in più la busta paga mi arriva ogni 90 giorni (se mi va bene), e non è un lavoro continuativo anzi ho un contratto a chiamata e lavoro poche mattine a settimana spesso anche al mese.. D'inverno svolgo un lavoro molto pesante, anche 10 ore al giorno, pagata in nero, 5 eurol'ora!!! Nella mia città offrono questo e se non ci sta bene "Avanti un altro.." le alternative sono fare la promoter, i venditori porta a porta e basta!!! E' una cosa davvero triste, quasi tutte le persone che conosco sono messi in questa situazione.. Io sono fortunata, i miei stanno bene, ma il mio desiderio di essere indipendente, di sposarmi e andare a vivere con Paolo, dovrà aspettare.. Io non credo ci sia poi tutto sto talento in queste persone; posso sculettare anche io in Tv, posso tirare calci ad un pallone tutto il giorno, posso presentare un programma.. Tutti questi soldi non me li spiego! Se facessero beneficenza, non esisterebbe nessun povero a questo mondo, ne sono sicura!!! Bacione

    Alessandra - That's Amore

    RispondiElimina
    Risposte
    1. il primo e forse unico commento.. ma fosse anche solo per il tuo, mi hai riempito il cuore di soddisfazione! leggendo le tue parole, hai solo confermato il mio pensiero... è inconcepibile che non siamo liberi di guadagnare LEGITTIMAMENTE da viverci, di crearci una casa, una famiglia. ci stanno togliendo tutto. non posso dirti che i sacrifici che stai facendo verranno mai ricompensati, anche se te lo auguro di cuore.. ma posso dirti che, anche se non ti conosco, hai sicuramente talento e meriti (in qualsiasi ambito lavorativo) di essere premiata e gratificata per questo. Grazie per il tempo che hai speso per leggere e soprattutto commentare questo post.. un bacio!!

      Elimina
  2. Penso a quante cose si potrebbero realizzare nel sociale con solo la metà di quella cifra...ma, ahimè, viviamo in un periodo in cui discorsi come questi vengono bollati col marchio della demagogia o, peggio ancora, dei classici discorsi alla "femminina".
    La realtà è che il ragionamento sarà anche semplicistico, ma la vera vergogna è di una realtà assurda e incomprensibile.
    Cara amica sono tempi difficili, ma non perdere la voglia di ragionare, parlare e indignarti a tempo debito.
    Manteniamo viva l'arte di ragionare: sono con te.
    Con affetto!
    Letizia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. hai pienamente ragione su tutto!! condivido ogni singola parola.. ma dici il vero, non dobbiamo smettere di ragionare e indignarci, facciamoci sentire!!
      un bacione e grazie di aver lasciato la tua opinione per arricchirci!
      :)

      Elimina
  3. purtroppo è cosi..ed è una cosa spiacevolissima ...chi troppo chi niente non soltanto per quanto riguarda il punto di vista economico ma anche di opportunità offerte ...comunque bel post..
    se ti va passa da me nuovo post..
    http://theunbearablelightnessofs.blogspot.it/

    RispondiElimina
  4. steady once the info, hopefully this info can be useful for everyone who membacanya.oh yes yes do not forget to visit my blog ...!
    OBAT TAHAN LAMA DIATAS RANJANG
    OBAT PATAH TULANG
    OBAT KUAT TAHAN LAMA BERHUBUNGAN SEKUAL
    AWALUDIN
    OBAT PARU-PARU BOLONG

    RispondiElimina
  5. Love the style of your blog!
    I`m following ur blog with a great pleasure via GFC
    Please join me
    Sunny Eri: beauty experience

    RispondiElimina